domingo, 1 de enero de 2012

MUSSOLA by Antonella Reina (STYLE.IT)

30/December/2012
 
Complete interview here.

https://lh4.googleusercontent.com/-og-yoHxw5XU/TwDmUdHmlfI/AAAAAAAARr8/eZScoPTuPnc/s800/Imagen%2525201.png 
Immersa in una dimensione di arte, scienza e alta moda, Leyre Valiente è una giovane designer ancora libera dai condizionamenti commerciali del fashion system. Come si nota osservando le bellissime creazioni della sua prima collezione “Chimaera” che le ha fatto vincere parecchi premi nell’ultimo anno. Gli abiti (forse poco portabili nella quotidianità, ma bellissimi) esplorano il cambiamento di una donna, dalla nascita fino all’età della maturità, emulando le sembianze delle chimere, animali mitologici dall’aspetto ambiguo in cui si fondono bellezza e mostruosità. Come sempre il gioco di forme e aspetti contrastanti crea un’estetica più affascinante e singolare, ma i  capi di questa collezione rivelano anche una notevole abilità sartoriale e uno stile già molto definito. Leyre, che attualmente sta portando a termine il suo stage presso l’ufficio stile di Alexander Mcqueen a Londra, sembra molto risoluta nel proporre presto la sua linea al grande pubblico.

L’incipit della tua collezione?
Invenzioni scientifiche ispirano capi realizzati con tecniche di alta moda.
Come descriveresti il tuo stile?
Audace (tra l’altro il mio cognome, Valiente, vuol dire “coraggioso”).
A cosa ti sei ispirata per creare “Chimaera”?
Al processo di maturità della donna.



Materiali dominanti?
Pelle, seta, maglia e ottone.
Il pezzo che meglio rappresenta la collezione?
Un abito nero di pelle con le ali.




Qual è il tuo rapporto con la moda?
È un rapporto di amore e odio. Amore per la parte creativa, odio per alcuni aspetti del sistema.
Un must have per questo inverno?
Qualsiasi cosa ci faccia sentire belle. Non ci sono regole per la felicità o per la moda.
A che tipo di persone dedichi i tuoi capi?
A chi ha una forte personalità.



Ciò che più ami del tuo lavoro e cosa invece non sopporti?
Mi piace cucire a mano, mi rilassa molto. Non sopporto invece realizzare i capi con la macchina da cucire.
La qualità che ognuno di noi dovrebbe avere?
Il coraggio di essere se stessi! Non mi piace chi cerca sempre l’approvazione degli altri, assumendo atteggiamenti poco naturali.



Un’ispirazione quotidiana?
Film e arte.
La virtù che ami?
Pazienza e perfezionismo.



Progetti futuri?
Iniziare a vendere le mie collezioni.
Dove possiamo comprare i tuoi capi?
Per ora soltanto facendo degli ordini speciali, ma presto i miei capi saranno disponibili in alcuni negozi e online.

Le immagini che ritraggono gli abiti di Chimaera sono state immortalate dal fotografo Davinci White.


No hay comentarios:

Publicar un comentario